2 Nutrire gli uccelli selvatici in inverno


Un altro inverno, un nuovo freddo, un nuovo aiuto anche per gli uccellini.

Ho aiutato come meglio sono riuscita ed ho potuto, gli esseri umani.
Mai e poi mai però riesco a dimenticare di aiutare anche i pennuti.
Sin da piccolissima ho sempre e sottolineò sempre, lasciato del cibo per loro sul davanzale.
Crescendo ho imparato che non bisogna dargli alimenti che possono fargli male ( mollica del pane, dolci ad esempio) e così ora li nutro con semi di girasole.
Ora ho una mangiatoia su palo, ora è il periodo più frequentato.
In estate ci metto semplice acqua, in inverno semi di girasole e frutta.
Solo se è freddo sotto lo zero aggiungo delle palline fatte con burro e semi di girasole.
Vanno bene anche i mix di semi per canarini, ma le maggiori possibilità di avere un alta frequenza solo i semi di girasole me l hanno garantita.

Approfitto per dire una cosa: mai dire dove tenete le mangiatoie se avete case isolate o le avete installate in parchi o boschi.
Molti cacciatori reperiscono queste informazioni e fanno veri e propri appostamenti di caccia.....

Questo anno da me c è un leggero calo di affluenza, ma un maggior numero di specie.

Passeri, tortore dal collare, codirosso spazzacamino, fringuello, pettirosso, cinciallegre e cinciarelle, storni ed una guardinga ghiandaia che ancora non si fida.

Fa freddo fuori e con pochi euro possiamo aiutarli, trovo sia bello.
Bello vedere, bello imparare, bello aiutare.

Stampa il post

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Luby, un cuore sensibile come il tuo, non può non pensare ai povere pennuti che con questo freddo e neve non possono trovare de sfamarsi e fai bene a aiutarli.
Ciao e buona giornata carissime amiche con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

luby ha detto...

Tomaso* grazie !
Cerco sempre di aiutare, nel mio piccolo.
Una goccia nel mare, ma se tutti facessero qualcosa....sarebbe un bel mondo il nostro ;)
Un sorriso anche a te Tomaso

Related Posts with Thumbnails